Operazione trasparenza

Riparte il futuro è una campagna apartitica e trasversale che ha per obiettivo quello di  contrastare il fenomeno della corruzione.

La corruzione inquina la vita politica e sociale, genera i disservizi, penalizza il diritto e la meritocrazia, mina la fiducia nelle istituzioni, e disincentiva gli investimenti, in particolare quelli provenienti dall’estero. A causa della corruzione il Paese perde importanti opportunità di sviluppo e lavoro, specialmente per i più giovani. La corruzione è la tra le cause principali della disoccupazione, fra i problemi più urgenti che siamo tutti chiamati a risolvere.

Il prossimo 25 maggio l’Italia eleggerà migliaia di uomini e donne che saranno chiamati a rappresentarci in più di 4.000 Comuni.

A parole e in campagna elettorale tutti i candidati sono campioni di legalità, ma dobbiamo stare attenti perché le elezioni sono anche una grande occasione in cui corruzione, interessi delle mafie e malaffare si diffondono nelle istituzioni.

Ai candidati sindaci chiediamo di mettere in cima alla propria agenda la lotta alla corruzione in tre modi:

1] Rendendo trasparente la propria candidatura in campagna elettorale
2] Promettendo di adottare la delibera “Trasparenza a costo zero” entro i primi 100 giorni
3] Impegnandosi ad attuare le prescrizioni della delibera entro 200 giorni


Che i comuni non abbiano risorse non può essere una scusa: è possibile combattere la corruzione anche a costo zero. Chiediamo ai sindaci di condividere con i cittadini le informazioni su chi li rappresenta e su come i Comuni spendono i soldi pubblici.

Alle elezioni comunali 2014 il candidato Aldo Maroso ha reso trasparente la sua candidatura.

Abbonamento a RSS - riparte il futuro