Il sindaco ALDO MAROSO

Il sindaco

ALDO MAROSO

LA MIA CANDIDATURA

E' il risultato di un percorso lungo molti mesi e iniziato assieme a un gruppo di cittadini non legati a particolari aree ideologiche, ma che per sensibilità personale e passione civica hanno avvertito la provocazione che arriva da un territorio ostaggio/vittima di alcune criticità che devono essere risolte.
Lungo questo percorso abbiamo cercato di costruire un progetto di città, fondato su alcuni valori irrinunciabili per una comunità moderna e civile, a “cose da fare”, condivise, urgenti, indispensabili, sulle quali fondare una amministrazione “nuova”, che per molti aspetti segni anche un taglio rispetto al passato.
L'apertura del gruppo a tutti i cittadini di “buona volontà” ha incontrato il consenso di altre persone, anche legate a diverse forze politiche, nella ferma convinzione che le “buone cose da fare” non siano né di destra né di sinistra, non abbiano colore ideologico, ma siano, appunto, cose buone da fare, coerenti con il progetto di città che abbiamo immaginato.

Le motivazioni che mi hanno spinto ad accettare la candidatura a sindaco, propostami dal gruppo di lavoro, sono molteplici. Onestamente devo dire che ci sono state anche delle perplessità, legate all'età, all'impegno che mi aspetto molto gravoso, già in campagna elettorale e soprattutto dopo, ma alla fine hanno prevalso l'entusiasmo e la forza con cui portiamo avanti alcune novità che sono, di fatto, elementi di forte discontinuità, una svolta culturale. Del resto, nel mio percorso, la fatica non mi ha mai spaventato.

BIOGRAFIA

Nato a Bassano del Grappa il 18 febbraio 1949
Residente a San Giuseppe di Cassola
Sposato con Mariangela Sgarbossa, 3 figli: Silvia, Francesco, Alessandro
Laureato in Scienze Matematiche

LE MIE PASSIONI: LA MATEMATICA E LA BICICLETTA

Laureato in scienze matematiche nel 1971, ho insegnato per 23 anni presso l’ ITC Einaudi di Bassano e presso altre scuole superiori; sono stato vicepreside e formatore nel Piano Nazionale per l'Informatica. Appassionato di ciclismo, ho partecipato a grandi spedizioni ciclistiche (Bassano-Mosca; Bassano-Pechino; Bassano-Gerusalemme; Cairo-Abu Simbel; Bassano-Dakar).
Attualmente percorro 10.000 chilometri all'anno in bicicletta. Ho praticato tantissimo escursionismo in montagna, sci da fondo, sci alpinismo. Lo sport per me è disciplina, salute, benessere, “vivere”.

IL MIO IMPEGNO NEL SOCIALE E NELLO SPORT

Da 20 anni mi dedico al volontariato sportivo e al volontariato sociale. Sono stato allenatore di calcio per i pulcini di San Giuseppe e catechista in parrocchia a San Leopoldo. Con l'associazione Ponti di Pace, di cui sono stato presidente, ho organizzato le spedizioni ciclistiche a cui ho partecipato, tutte finalizzate a promuovere la solidarietà; abbiamo realizzato vari progetti con la Caritas della Georgia, finanziandoci con le quote sociali e con la vendita dei libri che abbiamo pubblicato sulle spedizioni ciclistiche. L' opera che abbiamo finanziato interamente è un campetto polivalente in erba sintetica per i bambini di strada di Tbilisi (impegno di spesa 35.000 euro).
In questi giorni stiamo attivando due progetti: uno in Ecuador per la costruzione di una piccola scuola elementare (20.000 euro) e un altro progetto equivalente con la Caritas Georgiana.
Dal 2006 al 2014 sono stato segretario generale delle due società Hockey Pista di Bassano, il Roller e il Bassano 54. Da quest’ultimo incarico ho dato le dimissioni a fine febbraio per impegnarmi nell’attuale campagna elettorale.

LA MIA VITA PRIVATA

La famiglia per me è un valore importantissimo. Amo stare in famiglia e con i miei figli. Con mia moglie e con il figlio Francesco condivido anche tutte le passioni sportive.

IL MIO IMPEGNO CIVICO

Sono stato consigliere comunale a Cassola dal 2004 al 2009.
Sono stato redattore del giornale Liberamente Cassola dal 2006 al 2010.
Ora sono pronto ad espormi in prima persona per il progetto amministrativo “Vivere Cassola”, per me un impegno e una passione. Come per tutte le mie passioni, la fatica non mi fa paura.