Nel capoluogo le medie traslocano e lasciano il plesso parrocchiale

Da Il Gazzettino del 31 agosto 2016

CASSOLA - La scuola media di Cassola capoluogo cambia sede con il nuovo anno scolastico. Lascia lo storico plesso di via Loria, di proprietà della parrocchia di San Marco, e trasferisce i circa 150 alunni al primo piano dell’ala ovest delle scuole elementari, dove il Comune sta ultimando una serie di interventi di sistemazione. Il cambio di sede, si legge in una nota del municipio, è stato richiesto dai genitori stessi, dai docenti e dal dirigente dell’istituto comprensivo Marconi. Sino a fine anno il Comune continuerà a pagare comunque l'affitto della sede parrocchiale, circa 30 mila euro l'anno. Ma il contratto è stato disdetto e poi si andrà a ridurre l'importo, mantenendo nello stabile solo un paio di aule e probabilmente la parte interrata.

«Lo scorso febbraio nella vecchia scuola di via Loria si era verificato un distaccamento di intonaco dal soffitto - ricorda l’assessore alla pubblica istruzione Marta Favaro Orlando -. Per circa un mese quindi, al fine di consentire alla parrocchia di eseguire i lavori di messa in sicurezza, gli studenti sono stati spostati nella vicina scuola elementare dove, a seguito dell’ultimo ampliamento, erano rimasti degli spazi vuoti». Questa collocazione, per quanto provvisoria, è piaciuta moltissimo, tanto da spingere alunni, famiglie e personale scolastico a chiedere all’amministrazione di renderla definitiva. «Abbiamo fatto presente che non sarebbe stato così semplice - prosegue l'assessore -. Per legge infatti le scuole di ordini differenti non possono avere spazi promiscui». E' stato così interpellato l'Ufficio scolastico provinciale per capire quali interventi fossero necessari. I lavori, per un costo di 19 mila euro, sono stati avviati quest'estate e sono ormai al termine. «Abbiamo chiuso con pareti in cartongesso i corridoi che mettevano in comunicazione i due blocchi - dice Favaro - e installato porte tagliafuoco. Poi sono state modificate alcune aule per ricavare una stanza per il ricevimento dei genitori e una sala insegnanti. I ragazzi infine accederanno all'edificio direttamente da una scala esterna già esistente».

«In realtà - conclude l'assessore - lo spostamento lì delle scuole medie era già previsto nell'ambito del progetto per il completamento del polo scolastico del capoluogo». L'operazione è iniziata con la realizzazione dell'ampliamento della scuola primaria, del quale è stato completato solo il primo piano. Ora l'attuale amministrazione ha deciso che anche il piano terra - inizialmente destinato a centro diurno - e l'interrato facciano parte del polo scolastico. Il secondo stralcio del progetto, per il quale si attende un finanziamento di circa 1.150.000 euro, si concretizzerà non appena il Comune potrà disporre delle risorse necessarie: a quel punto la media potrà usufruire di spazi ben più ampi dell'ala vecchia della primaria. Fino a quel momento quindi continuerà ad utilizzare anche alcune stanze dell'edificio parrocchiale, dove verranno ricavati un laboratorio per attività grafiche e manuali, un'aula per studio e biblioteca e, nell'interrato, un magazzino. Il Comune sfrutterà poi altri spazi di quello stabile per ospitare iniziative legate alle politiche giovanili.

ECOBONUS 2016

Avviso di pubblicazione del bando 2016 per l'assegnazione di contributi finalizzati ad incentivare l'efficienza energetica e la sicurezza, la qualità urbana e la tutela ambientale degli edifici residenziali (D.G.C. nr. 94 del 06/06/2016).

http://www.comune.cassola.vi.it/index.php?option=com_k2&view=item&id=id2101%3Abando-ecobonus-2016

Convocazione Consiglio Comunale del 09/06/2016

Relazione di inizio mandato (quinquennio 2014-2018)

La relazione, volta a verificare la situazione finanziaria e patrimoniale e la misura dell'indebitamento del Comune di Cassola, è redatta ai sensi dell'articolo 4 bis del decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 149, recante: "Meccanismi sanzionatori e premiali relativi a regioni, province e comuni, a norma degli articoli 2, 17, e 26 della legge 5 maggio 2009, n. 42".

Per visualizzare o stampare il documento nel formato originale, clicca qui.

Il consiglio comunale avrà il primo presidente

Il Gazzettino 18/08/2014

CASSOLA - Sarà eletto in una delle prossime sedute il primo presidente del consiglio comunale di Cassola, una figura istituzionale non obbligatoria che è stata introdotta con l'approvazione di alcune modifiche allo statuto. A presentare la novità, nell'ultima seduta dell'assemblea civica, è stata il consigliere comunale di maggioranza Anna Zanon: «Abbiamo ritenuto opportuna questa introduzione per il carico di lavoro che spetta alle figure istituzionali già presenti», ha spiegato, «e perché il nostro Comune si avvicina alla soglia dei 15mila abitanti. Abbiamo allora previsto di aggiungere all'articolo 16 dello statuto la figura del presidente del consiglio che rappresenta l'intero consiglio comunale, convoca le sedute, predispone gli ordini del giorno, dirige e modera il dibattito. Questo verrà eletto a maggioranza assoluta, e se verrà eletto un consigliere di maggioranza è nostra intenzione rinunciare all'indennità prevista dalla legge, destinando l'importo ad un'altra voce del bilancio». Dai banchi dell'opposizione, il gruppo Silvia per te ha espresso la sua contrarietà con il consigliere Simone Manocchi: «Non ravvediamo l'utilità di eleggere un presidente, in quanto figura non fondamentale per il buon funzionamento del consiglio comunale - ha replicato - e visto che la direzione del dibattito può essere esercitata dal sindaco. Inoltre la garanzia di una persona al di sopra delle parti è data dalla presenza del segretario comunale. Eleggere un presidente è come mettere un vigile a dirigere il traffico in mezzo a una rotatoria». A prendere le difese di questa scelta ritenendola indispensabile è stato quindi il sindaco Aldo Maroso, anche alla luce della sua precedente esperienza da consigliere, prima dell'approvazione con il voto contrario della minoranza. Nella stessa seduta il primo cittadino ha comunicato anche gli ultimi incarichi di collaborazione diretta con il sindaco e gli assessori competenti che sono conferiti ai consiglieri della sua squadra, suddivisi per diverse materie: Simone Bresolin si occuperà di ambiente, Marco Giacobbo di pubblica istruzione, Giulia Milani di politiche giovanili, Elsa Antonia Simonetto di bilancio e tributi, Luca Visentin di attività produttive e Anna Zanon di cultura. Altra novità è l'approvazione definitiva del regolamento per la trasmissione audio-video delle sedute di consiglio, che ha visto accolte e inserite anche alcune proposte arrivate dall'opposizione in sede di commissione. Anche per questo motivo la minoranza ha scelto di astenersi sul provvedimento.
G.G.

Si istituisce la figura di garanzia del presidente del consiglio

Il Gazzettino di martedì 22 Luglio 2014

CASSOLA - Arriva il presidente del consiglio comunale: la nuova figura istituzionale, facoltativa per i comuni con meno di 15 mila abitanti, sarà istituita attraverso alcune integrazioni allo statuto che saranno approvate in occasione della prossima seduta del civico consesso, in programma domani sera alle 21. Nella stessa serata è prevista anche l'approvazione definitiva del regolamento per la ripresa e la messa in onda audio video delle sedute di consiglio comunale. Saranno quindi approvati due ordini del giorno con i quali il Comune di Cassola aderirà a due importanti iniziative: il "riconoscimento internazionale del diritto umano alla pace", su proposta delle Nazioni Unite in concomitanza con la ricorrenza del centenario della Grande Guerra, e la riduzione delle emissioni di anidride carbonica, per la quale sta lavorando la commissione europea cercando di coinvolgere gli enti locali.
      Infine il sindaco Aldo Maroso comunicherà alcune deleghe e incarichi ai consiglieri comunali e le ultime novità sulla realizzazione della Superstrada Pedemontana.

L’assessore Favaro: «Lasciando il beach volley dov’è risparmio di ventimila euro»

Il Gazzettino 24/07/2014

CASSOLA - (G.G.) La permanenza dei campi da beach volley in via Raffaele Sanzio non comporterà nessuna spesa. La conferma arriva dall'assessore allo sport del Comune di Cassola, Marta Orlando Favaro, che interviene sulla vicenda per mettere in chiaro un passaggio della delibera di Giunta esposto a possibili fraintendimenti: si tratta della citata spesa di 20 mila euro, che sembra presentata come il prezzo da pagare per evitare lo spostamento dei campi di sabbia in via Col Beretta.
      «Non è così - spiega l'assessore Favaro - bensì l'esatto contrario: quei 20 mila euro erano quelli stanziati dalla precedente amministrazione per il trasferimento dei campi. Verranno risparmiati. Con la nostra operazione eviteremo questa spesa, garantendo un ulteriore risparmio per le casse del Comune». L’assessore della giunta guidata da Aldo Maroso difende quindi la scelta di rinnovare la pratica del beach volley vicino al centro di San Giuseppe: «Abbiamo scelto di adottare un regolamento più ferreo dopo aver convocato le persone del vicinato che si erano lamentate - afferma - e che si lamentano tutt'ora. Con loro abbiamo condiviso alcuni interventi che adesso saranno sottoposti ad una prima sperimentazione, confermando la piena disponibilità a trovare altre soluzioni per il prossimo anno se queste prime disposizioni non serviranno a evitare i disagi sofferti dai residenti in passato».
      Tra gli interventi più significativi per ripartire con la pratica dello sport sulla sabbia, vi è la rinuncia ad uno dei tre campi, quello a ridosso delle abitazioni di via Buonarroti, oltre all'installazione di una barriera per evitare la dispersione di polvere derivante dal gioco estivo, che sarà praticato già dalle prossime settimane. «In attesa di vedere se queste soluzioni funzioneranno - conclude Marta Favaro - considero un successo il dialogo che siamo riusciti a costruire con la cittadinanza. Grazie a questo risparmieremo 20 mila euro e consentiremo un più facile utilizzo dei campi per una fascia di utenza radicata intorno al centro di San Giuseppe, che altrimenti avrebbe dovuto spostarsi verso San Zeno. E avremo anche la possibilità di realizzare, in prospettiva, una struttura per l'allenamento indoor del gruppo locale di atletica in via Col Beretta, nell'area a ridosso del campo sportivo fino a ieri destinata al beach volley».

Articolo tratto da Il Gazzettino

Aldo Maroso ringrazia i suoi elettori

Aldo Maroso ringrazia tutti gli elettori della lista Vivere Cassola che hanno contribuito ad ottenere questo storico risultato.

Pagine